Benevento e provincia ha aderito alla petizione contro lo Ius Soli indetta da Lega e Noi con Salvini. Circa 1000 i gazebo allestiti in tutta Italia per la manifestazione "No Ius Soli, meno tasse per tutti, più lavoro". Nel Sannio tre i gazebo, quello di Benevento, quello di Morcone e quello di Sant'Agata de' Goti, roccaforte della storica destra alleatina.

Il gazebo di Benevento è stato allestito nei pressi piazza Risorgimento, "La cittadinanza non si regala" è stato il leitmotiv delle giornate.
"Forte consenso ed una gradevole raccolta firme, ben quaranta, è stata la risposta che la città di Benevento - spiegano da NCS - ha dato alla suddetta manifestazione; l'impegno profuso dal coordinatore provinciale Stefano D'Agostino, dal dipartimento sicurezza e immigrazione, e da tutti i militanti sanniti è stato proteso per dare un forte segnale di protesta; tale protesta va contro un progetto di legge che svilisce il valore e l'importanza della cittadinanza italiana. NCS Benevento sostiene che la cittadinanza italiana non è un gadget né uno
strumento d'integrazione, ma deve essere il punto di arrivo di un, vero, percorso di integrazione".

"Oggi - ha spiegato Rinaldo Oropallo vicecoordinatore provinciale di Lega/Noi con Salvini - dopo anni di militanza in alleanza nazionale mi ritrovo a scendere in piazza per il movimento Noi con Salvini di cui mi onoro di ricoprire la carica di vicecoordinatore provinciale. Ho notato l'entusiamo e la voglia di un vero cambiamento,cittadini esausti di questa politica che favoreggia poco il contribuente Italiano,che ospita e paga per ospitare gli immigrati.Una preoccupazione a carattere locale invece è stata rappresentata dai cittadini saticulani,è quella della perdita del presidio ospedaliero Sant'Alfonso ,struttura che verrà sostituita da un polo oncologico,perdendo i reparti attuali.Il nostro partito vorrà vederci chiaro affinché la cittadinanza e quella dei paesi limitrofi sappia con precisione cosa sta accadendo".