style="display:block"
data-ad-client="ca-pub-1497782058550332"
data-ad-slot="6159182866"
data-ad-format="auto">


 

Sei anni di grandi sofferenze, costellati dalla perdita del lavoro ora invece si apre uno spiraglio ed a luglio i dipendenti degli ex Consorzi riprenderanno a lavorare.

“Oggi a Napoli, negli uffici della Regione, sarà firmato il documento che ci permetterà di riavere ciò che ci era stato tolto: la nostra dignità umana e sociale. L'Amministrazione regionale, il Conai, l'Anci e i sindacati sottoscriveranno un documento che permetterà la riqualificazione professionale di tutti i dipendenti dei tre Consorzi”.

Lo rende noto Pierino Mancini lavoratore degli ex Consorzi che da anni si batte per la tutela dei dipendenti ed il ritorno al lavoro degli stessi. È lui infatti a spiegare che la riqualificazione avverrà in due fasi. “La prima – dice – di due mesi, in aula per una preparazione teorica, la seconda, operativa sul posto di lavoro, di dodici mesi. Successivamente, dopo la costituzione degli Ato, il definitivo reinserimento alle dipendenze del nuovo organismo che gestirà la raccolta differenziata nella nostra Provincia.

Nel frattempo l’USB, Unione Sindacale di Base ha richiesto con una lettera un incontro per “poter affrontare, nella sua complessità, le delicate questioni che hanno interessato, sin dal 2010 i lavoratori dei consorzi di Benevento” a Fulvio Bonavitacola vicepresidente della Regione Campania al prefetto di Benevento Paola Galeone oltre che ai Commissari liquidatori dei Consorzi Bn1, Bn2, Bn3.

[useful_banner_manager banners=3 count=1]

[xyz-ihs snippet="curcuma"]