style="display:block"
data-ad-client="ca-pub-1497782058550332"
data-ad-slot="6159182866"
data-ad-format="auto">


"La salute dei cittadini prima di tutto". E' questo il primo commento del presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Benevento Giovanni Pietro Ianniello in merìto ai tagli che verranno applicati alla azienda ospedaliere Rummo di Benevento.

"Pur ammettendo l’esigenza di dovere contenere la spesa pubblica – dichiara il presidente Ianniello – i tagli di strutture, personale e gli accorpamenti di unità operative devono sempre essere guidati da quello che è l’obiettivo primario in sanità: la salute dei cittadini.
Non è possibile applicare nell’ambito dei servizi essenziali destinati alla persone, quale la sanità, criteri automatici guidati solo dal taglio della spesa. In relazione a quanto è avvenuto presso l’A.O. “Rummo” di Benevento, ed alla luce di quello che filtra sull’emanando “Piano di riordino ospedaliero”, la mia maggiore preoccupazione è che eventuali rimodulazioni in basso di alcune Unità Operative del Rummo possano comportare un declassamento dell’Azienda Ospedaliera da DEA di II livello a DEA di I livello, il che determinerebbe la perdita di altre UOC di alta specialità e di servizi essenziali, a vantaggio di province limitrofe, nell’ottica della così detta “area vasta”.

Sono sicuro che il Commissario Dr. Giampiero Maria Berruti farà tutto quanto è nelle sue possibilità per ridare alle strutture ed ai medici “declassati” la dignità che loro spetta per l’alta professionalità e per il ruolo strategico, che rivestono nell’assistenza sanitaria provinciale e non solo.

In tale ottica – conclude Giovanni Ianniello – l’OMCeO di Benevento, con le proprie competenze e con la diretta conoscenza delle problematiche sanitarie territoriali, è pronto a dare il suo contributo, sia nella fase di programmazione che in quella di attuazione, rendendosi disponibile ad un tavolo tecnico, sia con l’Azienda Rummo che con la ASL, al fine di giungere a scelte che permettano di ottemperare alle richieste di razionalizzazione, senza determinare un riduzione dei livelli assistenziali nella nostra provincia".

[useful_banner_manager banners=2 count=1]