style="display:block"
data-ad-client="ca-pub-1497782058550332"
data-ad-slot="6159182866"
data-ad-format="auto">


Lo scorso mercoledì 23 marzo alle 11.30, presso la Casa Redentorista di Pagani, è stato sottoscritto il Protocollo d‘Intesa relativo al progetto “Associazione Parco Letterario S. Alfonso Maria de Liguori” tra l‘ Associazione Parco Letterario S. Alfonso M. De Liguori, la provincia napoletana dei Missionari Redentoristi, i comuni di Caposele, Mercato S. Severino, Pagani, Sant‘Agata de'Goti, Scala e la Municipalità VIII Comune di Napoli-Marianella.

Hanno partecipato alla riunione il p. Serafino Fiore superiore provinciale dei Redentoristi, l’assessore del Comune di Mercato San Severino Carmela Perozziello per delega del sindaco Giovanni Romano, Salvatore Bottone sindaco di Pagani, Carmine Valentino sindaco di S. Agata de Goti, Luigi Mansi sindaco di Scala, l’On. Alfonso Andria presidente del Centro Universitario Europeo per i beni culturali, il p. Luciano Panella superiore Redentoristi di Pagani e per il Parco Letterario S. Alfonso Gaetano Califano vicepresidente, Giovanni Pepe segretario e i soci sen. Gerardo de Prisco, p. Paolo Saturno, Katia Tortora e Giovanna Alberino.
“Questa rete mira allo sviluppo di un turismo culturale e sostenibile, alla più vasta conoscenza e diffusione delle opere di Sant’Alfonso, alla valorizzazione dei territori di competenza, a produrre iniziative concrete e nuove convenienze per le singole realtà locali – ha affermato il sindaco di Sant’Agata de’Goti Carmine Valentino – nel sottolineare la figura di Sant’Alfonso, uomo di ampia e raffinata cultura umanistica e giuridica, oltre che teologica e filosofica, laico fervente, sacerdote dedito alla rieducazione religiosa, morale e civile del popolo, missionario, fondatore di una congregazione religiosa, vescovo zelante, scrittore fecondo di opere teologiche e ascetiche, pittore, poeta, musicista.

Valentino ha poi precisato che “in questa rete saranno coinvolte le associazioni, con analoghe finalità statutarie, presenti sul territorio, ma ancora prima è fondamentale il coinvolgimento della Curia Vescovile, del clero locale e del Monastero del Ss. Redentore”.

“È di primaria importanza - ha poi concluso – un connubio tra l’amministrazione e la curia affinché, in modo coordinato e sinergico, si possa concretizzare questa opportunità, si possa creare questa rete costituita da elementi di interesse turistico e luoghi che, per importanza sul piano storico-testimoniale, architettonico e di richiamo dell’identità anche sotto il profilo economico e sociale, si prestino a svolgere un ruolo di primo piano anche come meta di viaggio nell’ambito delle politiche di turismo responsabile e sviluppo sostenibile”.

[useful_banner_manager banners=3 count=1]