style="display:block"
data-ad-client="ca-pub-1497782058550332"
data-ad-slot="6159182866"
data-ad-format="auto">


Quarto incontro di ‘Dialoghi con la luna’, progetto culturale dell’Associazione Massimo Rao. Sabato 12 marzo, alle ore 18.00, nella Pinacoteca comunale di San Salvatore Telesino si terrà un nuovo appuntamento di questo percorso tematico che ha come protagonista la Luna, figura onnipresente nell’arte di Massimo Rao, interpretata, di volta in volta, in una chiave diversa.

Gli incontri, introdotti da Patrizia Bove, socio dell’Associazione Massimo Rao e ideatrice degli eventi, vengono dalla stessa ricondotti all’arte di Massimo Rao attraverso la visione delle opere del pittore sannita, scelte opportunamente in analogia con il tema della serata.

Durante il nuovo appuntamento verrà presentato in occasione dell’incontro sulla Poesia, uno dei quadri più belli e inquietanti di Massimo Rao: “Nostra Signora delle cose impossibili”. Il quadro, dipinto nel 1995, quando l’artista era già consapevole della sua fine imminente, chiude una serie di quadri che, a partire dal 1993, raffigurano una Luna enorme, una Luna che finalmente si rivela in tutta la sua grandezza, una Luna piena con un corpo antropomorfo che si tiene le guance con le mani e sembra meditare. In primo piano, ma quasi nascosta tra le rocce, una figura colta nel momento della partenza (o della dipartita), vestita di stenti, con una bisaccia sulle spalle, un piccolo fagotto dove raccogliere le cose necessarie da portare con sé in un viaggio definitivo.

Nel quarto incontro, programmato per sabato 12 marzo in Pinacoteca, la Luna di Rao incontrerà la medicina. Si parlerà dell’influenza della Luna sulla cura di alcune malattie, dei rituali della medicina popolare d’altri tempi, dell’importanza che da sempre l’Uomo ha attribuito alle fasi lunari. Protagonisti della serata saranno il Emilio Bove, medico e scrittore, e il dott. Rosario Di Lello, chirurgo e storico della Medicina.

Emilio Bove, medico in San Salvatore Telesino, è conosciuto anche per la prolifica vena letteraria orientata principalmente al recupero della memoria storica del territorio. Dal suo primo libro, datato 1990, un saggio sulle origini di San Salvatore Telesino, intitolato appunto “San Salvatore Telesino: da Casale a Comune”, alla sua ultima opera, il romanzo storico “L’ultima notte di Bedò”, Bove ha costruito un percorso letterario variegato anche nel genere utilizzato, con l’intento di non lasciar cadere nell’oblio le testimonianze storiche e i ricordi tramandati attraverso la tradizione orale di un territorio così ricco di storia come la Valle Telesina e in particolare San Salvatore Telesino con l’area archeologica di Telesia.

Rosario Di Lello, già chirurgo presso l’ospedale di Piedimonte Matese, ha al suo attivo varie pubblicazioni di storia, soprattutto sul Brigantaggio nell’area del Matese, nonché nei territori di Cusano e Pietraroja. Come storico della medicina ha pubblicato numerosi testi sulle Terapie popolari, un Antico Prontuario di medicina popolare in provincia di Benevento e un testo sull’assistenza ospedaliera nella storia del Medio Volturno. Quale socio dell’Associazione Storica del Medio Volturno ha pubblicato numerosi testi volti alla ricerca delle tradizioni popolari in Terra di Lavoro, tra cui varie pubblicazioni sul Vino nella medicina.

L’Orchestra Ars Nova laurentii, diretta dal Maestro Massimo D’Orsi, offre la sua collaborazione al progetto dedicato al pittore Massimo Rao, contribuendo a rendere magiche le atmosfere degli eventi in Pinacoteca, e offrendo ogni volta repertori di grande prestigio che ben si accompagnano allo stile delle conversazioni culturali dedicate alla Luna. In occasione del quarto incontro la voce della soprano Nadia Perfetto sarà accompagnata alla tastiera dal Maestro Massimo d’Orsi e al sax dal musicista Italo Polcino

[useful_banner_manager banners=3 count=1]