Il presidente provinciale di Unimpresa Benevento si è recato presso il Comando dei Carabinieri per denunciare un furto avvenuto in pieno giorno, presso la sede operativa CAF e Centro Servizi Aziendale, nonché sede provinciale di Unimpresa, in via Porta Rufina a Benevento. A renderlo noto il vertice di Unimpresa sannita, con un comunicato stampa.
“La dinamica del furto - ha constatato il presidente Catauro - è stata attentamente studiata nei minimi particolari, sia per l’ora prescelta sia per la scelta mirata delle attrezzature e documenti sottratti. Non a caso, infatti, è stato scelto l’orario pomeridiano per forzare la porta d’ingresso poiché durante le ore notturne gli uffici vengono protetti da un saracinesca in ferro e da un impianto d’allarme, per cui diviene estremamente difficile accedere all’interno. Molto più preoccupante appare invece il “bottino” preso di mira dai ladri che hanno sottratto strumenti informatici, un modem per l’accesso alla rete Wi-Fi, filtri degli indirizzi IP con firewall integrato, un Hard Disk nel cui archivio erano conservati dati sensibili e riservati delle attività industriali e professionali svolte presso la sede provinciale ed alcuni timbri gommati di Unimpresa Benevento.
“La modalità e l’entità degli oggetti sottratti – ha precisato il presidente provinciale di Unimpresa Ignazio Catauro - fanno sospettare ad un furto su commissione al fine di sottrarre documenti riservati, nel tentativo di ottenere in maniera illecita informazioni sensibili e commerciali. Ritengo, altresì, che sia stato messo in atto un tentativo di intimidazione collegato anche alle mie attività ispettive e di controllo, tendenti a ridurre gli sprechi di risorse pubbliche.”