Il 27 agosto la fiammella dell’Associazione Culturale ‘I Sempre Accesi’ incendierà Paupisi con uno spettacolo teatrale-musicale-danzante dal titolo “Alegrìa…”. All’interno dello spettacolo la rappresentazione di un’esilarante commedia in napoletano dove le risate non si riusciranno a trattenere. “Gennaro Belvedere testimone cieco” ovvero “I soldi fanno venì ‘a vista ‘ai cecati”. Poi ci sarà uno spettacolo musicale realizzato dalla band “Nice & Nice” accompagnata da un’orchestra di archi e fiati accompagnato da coreografie realizzate dal corpo di ballo “Voilà” e poi sorprese da far restare a bocca aperta il pubblico. Tra le sorprese ci sarà la partecipazione di artisti circensi della “Compagnia dei Saltimbanchi” e dei “Girovaghi”.
La “Compagnia dei Saltimbanchi” è una compagnia di artisti di strada con vent’anni di lavoro nel campo dello spettacolo e nell’organizzazione di eventi e di spettacoli di strada. Nello spettacolo Alegrìa la “Compagnia dei Saltimbanchi” interverrà con artisti con il fuoco che sarà il linguaggio da adottare per esprimere un qualcosa dove le parole non possono arrivare, giocolieri che sono un’attrazione che, tra gli artisti da strada, non può mancare e funamboli, che si esibiscono in uno show di giocolerie e gag comiche circensi mentre passeggiano su una fune d’acciaio fissata a diversi metri di altezza rispetto al suolo. I “Girovaghi” sono invece una compagnia di artisti di strada pugliesi che hanno fatto della loro passione un’arte, delle strade il loro palco! Nello spettacolo Alegrìa “I Girovaghi” interverranno con le danzatrici aeree e con artisti specializzati in acrobazie con sfere. Le danzatrici acrobate aeree iniziano il loro percorso nel mondo dell'arte attraverso il teatro fisico e la danza contemporanea. Si tratta di ragazze che in costume sensuale e suggestivo si esibiscono in eleganti evoluzioni aeree con l’ausilio di una lunga striscia di seta che rappresenterà l’unico aggancio durante la sua performance spettacolare eseguita a 6 metri d’altezza. “L’idea di portare il circo nella manifestazione teatrale-musicale-danzante “Alegrìa…” – ha affermato Dario Orsillo, presidente dell'associazione 'I Sempre Accesi' - è nata dal tentativo e dalla volontà di fondere la magia del circo tradizionale con il linguaggio dell’artificio teatrale. Le esibizioni circensi stimolano il pubblico a recuperare il contatto diretto con il corpo d’attore. In questo allestimento la recitazione vocale è ridotta al minimo mentre la narrazione è affidata alla mimica e alla gestualità. Lo spettacolo – ha continuato Orsillo - offre a tutti la possibilità di attraversare l’ombra del vivere quanto la luce e la gioia di esistere. È un tentativo di raccontare storie con una drammaturgia non convenzionale e al contempo è un’occasione capace di risvegliare nella maggior parte degli adulti i ricordi allegri legati alla loro infanzia che vorrebbero trasmettere ai propri figli. Attraverso le esibizioni di artisti con i fuoco, acrobati, giocolieri si tenta di accattivare l’attenzione del pubblico e di rivolgerla verso una riflessione: è possibile attraversare un mondo virtuale senza l’aiuto della tecnologia? È possibile riabituare gli spettatori a forme di intrattenimento ludico tradizionale? Attualmente siamo assuefatti ai meccanismi del sistema mediatico che la finzione si percepisce come realtà. La vera scommessa, forse, è che il mondo reale dell’arte circense sia trasportato nella finzione affinché dia nuovo impulso alla fantasia, alla vera essenza del gioco e all’emozione del contatto fisico. La manifestazione 'Alegrìa…' – ha concluso Orsillo - sarà uno spettacolo dal ritmo vertiginoso e travolgente. Una festa popolare dove recitazione, ballo e canto saranno un’affascinante trama sonora per celebrare con gioia e semplicità la bellezza dell’Arte vista da diverse angolazioni”.