Crinali sanniti e molisani 'minacciati' dalle pale eoliche. Questa, in sostanza, la preoccupazione del Gestore servizi energetici (Gse) che chiede alla regione Campania di chiarire le procedure di autorizzazione di 58 pale eoliche al confine con il Molise, a ridosso del sito archeologico di Sepino. Le torri dovrebbero sorgere nei territori dei comuni di Circello, Santa Croce del Sannio e Morcone, in provincia di Benevento, ma secondo il consigliere Regionale della Campania, la sannita Giulia Abbate e il vice presidente del Molise, Michele Petraroia nell'iter amministrativo non sarebbero stati coinvolti gli uffici molisani del ministero dei Beni Culturali e della Regione Molise. "L'intervento del Gse - sottolinea Petraroia - assume i rilievi sollevati e sollecita la Regione Campania a chiarire il percorso seguito, offrendo alle popolazioni della Valle del Tammaro maggiori certezze sul rispetto della normativa a tutela degli agricoltori, dell'ambiente e del paesaggio. Per il nostro territorio nel suo complesso, permane il rischio di una devastazione su larga scala connessa con le possibili autorizzazioni di oltre 2 mila nuove pale eoliche che andrebbero a stravolgere irreversibilmente i crinali molisani".