Alfredo Cataudo, già consigliere provinciale ed attualmente presidente dell'Azienda Speciale ASEA, ha commentato con soddisfazione la notizia della decisione della Giunta della Regione Campania di destinare risorse finanziarie pari a 4milioni di euro per ripristinare la regolare circolazione stradale e mettere in sicurezza la Strada Provinciale n.1 “Ciardelli” nei tratti ricadenti nei comuni di Arpaise (3.000.000 di euro) e San Leucio del Sannio (365.000 euro) in provincia di Benevento. "Da tempo siamo impegnati per combattere il dissesto idrogeologico nelle aree interne campane; ancora di più lo siamo stati da quando un fenomeno franoso ha interessato i centri di Arpaise e San Leucio innescando pericoli reali e gravi per la circolazione stradale e per le persone, nonché danni all'economia locale, già martoriata dalla crisi economica mondiale e dalla desertificazione sociale. La decisione della Giunta regionale della Campania di stanziare 4milioni di euro per i lavori di ripristino delle frane che hanno colpito questi territori è destinata a creare le condizioni per invertire una lunga serie di circostanze negative e sfavorevoli per l'economia dell'hinterland beneventano. Un ringraziamento va al Governatore Caldoro, all’Assessore regionale alla protezione civile Cosenza e all’intera Giunta regionale per aver dimostrato attenzione al Sannio e alle aree interne. Il finanziamento delle opere è stato reso possibile anche grazie alla tenacia e all’impegno del consigliere regionale Sandra Lonardo che non ha fatto mai mancare il suo apporto e il suo entusiasmo per giungere all’odierno risultato: ed anche per questo suo lavoro, desidero farle pervenire il mio ringraziamento. E' doveroso peraltro dare atto anche al Commissario straordinario della Provincia di Benevento, Aniello Cimitile, e, con lui, a tutto l’Ufficio Tecnico della Provincia che ha seguito con abnegazione in questi mesi i progetti e le procedure amministrative, in un costante colloquio con la Regione Campania e con le Amministrazioni comunali coinvolte. Avendo ricevuto a suo tempo dall'allora Presidente della Provincia Cimitile la delega a seguire i progetti per tali opere e a curare i rapporti con le Amministrazioni interessate per la loro approvazione, posso testimoniare della difficoltà sia tecnica che amministrativa di questo cimento. Adesso, però, si tratta di portare a termine il percorso virtuoso avviato, con l’apertura dei cantieri e la realizzazione delle opere che consentiranno di mettere in sicurezza un’arteria strategica nei collegamenti intra ed extra provinciali”.