Il segretario generale aggiunto della Uil Avellino – Benevento, pur plaudendo all’incontro tenutosi presso la sede del Ministero dello Sviluppo Economico per parlare della vicenda del Data Center di Poste Italiane da realizzarsi nella città di Benevento, si rammarica per la mancata partecipazione dell’amministratore delegato di Poste Italiane, Francesco Caio. “Voglio ringraziare – ha affermato Bosco – chi crede ancora nella realizzazione dell’opera, e quindi i sottosegretari Antonello Giacomelli e Umberto Del Basso de Caro, il governatore della Campania Stefano Caldoro e il sindaco di Benevento Fausto Pepe, ma va detto che il comportamento di Poste Italiane è da censurare. Il Data Center per noi sanniti – ha concluso Bosco – è un’opera importante poiché può riaffermare l’importanza del ruolo delle reti immateriali e nello stesso tempo potrà dare un’occupazione stabile e di qualità ai tanti giovani che proprio qui a Benevento frequentano la facoltà di ingegneria informatica”.