Palazzo Mosti benevento
“Ieri mattina, in conferenza dei capigruppo, la maggioranza ha mandato in scena l'ennesima sceneggiata orchestrata dal sindaco Pepe. Il sipario si è aperto con una convocazione telefonica dei capigruppo alle 10 per le 11.30, dopo che sugli organi stampa il sindaco aveva già comunicato il giorno in cui si sarebbe svolto il Consiglio per la Ricapitalizzazione dell'Amts e l'approvazione del Piano Industriale. Visto che il sindaco decide per tutti, a che serve convocare i consiglieri di opposizione? Il regolamento del Comune parla chiaro: la conferenza dei capigruppo deve essere convocata formalmente a mezzo messi e inoltre deve avere una sua specifica autonomia nella convocazione della Civica Assise e nella individuazione delle date. Non può essere ridotta dal sindaco ad organo di ratifica delle sue scelte, tra l'altro già rese pubbliche ancor prima che il presidente provvedesse a convocarla”. Questo il tono usato dal’opposizione di Palazzo Mosti a due giorni dalla convocazione del Consiglio Comunale sull’Amts. “Come se non bastasse, nonostante lo avessimo chiesto al presidente Izzo, non ci è stato fornito alcun carteggio che sottolineasse la necessità di convocare il Consiglio entro il 30 dicembre. Un’accelerazione che ci induce a pensare a promesse elettorali da mantenere e non alla questione Amts. E ancora come si pretende che un Piano Industriale che la Segesta ha impiegato 7 mesi ad approntare, possa essere valutato dai consiglieri in appena un paio di giorni? Dulcis in fundo, Pepe aveva già sbandierato l'esistenza del parere favorevole dei Revisori dei Conti, quando invece nella stessa conferenza e poi anche per bocca dei Revisori stessi, abbiamo appreso che questi ultimi, alle 13.30 di ieri, ancora non si riunivano per esaminare la documentazione. Allora delle due l'una: o Fausto Pepe fa il veggente ed è capace di leggere il futuro, oppure i Revisori sono allineati a tal punto da essere dei meri esecutori delle volontà del primo cittadino. Ovviamente – hanno concluso i rappresentanti dell’opposizione - tra i punti all'Ordine del Giorno del Consiglio di lunedì 30, non è stata inserita la discussione chiesta dall'opposizione sui lavori dello scolmatore di via Napoli. Siamo ancora in attesa della proposta di delibera per l'housing di San Clementina e della calendarizzazione delle oltre dieci richieste di Consiglio comunale protocollate per ‘ComuneMente’"